Skip to content

Corso di vetro soffiato del 24 luglio 2022

Nell’ambito della rassegna estiva dedicata al vetro Altare Glass Fest, organizzata dal Museo dell’Arte Vetraria Altarese, anche quest’anno è stato inserito il corso di modellazione e soffiatura del vetro borosilicato.

Inizialmente previsto all’interno del giardino di Villa Rosa, sede del Museo del Vetro di Altare, il corso di vetro borosilicato soffiato e modellato del 24 luglio 2022 si è poi tenuto nel mio laboratorio di Via Roma n. 41, I Vetri di Sandro Bormioli. Il motivo del trasferimento di sede, anche se in realtà parliamo di poche decine di metri, è legato alle bizze climatiche di questo luglio 2022, veramente molto caldo. Nella fascia oraria 15-19, orario previsto per il corso, sarebbe stato veramente faticoso lavorare all’aperto al calore della fiamma, con temperatura esterna ben oltre i 30°C.

ALTARE GLASS FEST 2022: TUTTI I DETTAGLI

Perciò si è deciso di svolgere il corso all’interno della mia bottega, sorprendentemente fresca anche in queste giornate di picco di calore. Le due postazioni di lavoro presenti nel mio laboratorio hanno così potuto accogliere i due nuovi allievi, che avevano prenotato il corso.

Quattro ore  e una sola giornata non sono naturalmente sufficienti a metabolizzare, con i tempi necessari, tutte le tecniche necessarie per imparare la modellazione e la soffiatura del vetro borosilicato. La formula dei due giorni è la più indicata, sotto questo aspetto. Tuttavia, grazie all’esperienza maturata nei numerosi corsi già svolti, il mio metodo didattico consente all’allievo di avere, alla fine del corso, una buona visione d’insieme della tecnica.

Nel caso dei due allievi di oggi, ho dedicato la maggior parte del tempo a dimostrare e a farli esercitare soprattutto sulla parte di vetro pieno, ossia quella relativa alla modellazione. Il motivo di questa scelta è presto detto. Imparare a saldare, staccare e modellare il vetro pieno con l’aiuto di pinze e spatole, costituisce la base tecnica necessaria per poi passare a progetti più avanzati. Se vorranno, ci saranno altre occasioni per proseguire in modo approfondito l’apprendimento della soffiatura, la parte più complessa ma anche più affascinante della lavorazione del vetro.

Pur nei limiti temporali ristretti, i due corsisti hanno comunque realizzato un buon numero di oggetti in vetro pieno, soprattutto moduli per pendenti e orecchini, che al termine della giornata sono rimasti naturalmente di loro proprietà.

Proprio al fine di offrire un quadro completo della tecnica del borosilicato, allo scadere dell’ultima ora ho svolto per i due ragazzi una breve dimostrazione di soffiatura. Al termine del corso, è stato possibile un piacevole e prezioso fuori programma: visto che la fornace del Museo del Vetro di Altare era accesa, ne ho approfittato per accompagnare là i miei due allievi. Così, abbiamo potuto dedicare un po’ di tempo a parlare della tecnica più antica e tradizionale della lavorazione del vetro e cioè della lavorazione in fornace, con il vetro fuso che ribolle in un crogiuolo e le canne da vetraio in ferro che servono a levare il vetro, per poi lavorarlo. Con una breve dimostrazione, ho levato un po’ di vetro e ho preparato gli allievi a soffiare attraverso la canna. Entrambi hanno così potuto soffiare una grande sfera di vetro, un’esperienza sorprendente e decisamente rara.

Al termine del corso, è stato davvero gratificante ottenere l’apprezzamento dei due allievi, che hanno dimostrato interesse e divertimento per l’insolita esperienza di lavorazione vissuta.

Entrambi hanno ricevuto un attestato di partecipazione all’esperienza di lavorazione del vetro borosilicato, certificata dal marchio di qualità Maestro Artigiano della Regione Liguria.

IL PROGRAMMA COMPLETO DI ALTARE GLASS FEST 2022


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *